Meggiorini in visita agli studenti del Liceo «Giovanni Cotta»


​Una lezione «speciale». Un confronto diretto e sincero sui temi che più stanno a cuore a chi frequenta le classi di un liceo ad indirizzo scientifico sportivo: le regole da rispettare, i sacrifici da compiere, e le tappe da percorrere se si vuole provare a diventare un campione nello sport, come nella vita.

È stato questo il tema principale de «L’incontro con il Campione» che ha visto, stamattina, Riccardo Meggiorini ospite al Liceo statale «Giovanni Cotta» di Legnago. Nell’aula magna della scuola hanno partecipato oltre cento studenti, che si sono confrontati con l’attaccante gialloblù sui differenti aspetti di crescita umana e sportiva, che ogni giovane deve compiere passo dopo passo.

La carriera di Meggiorini, iniziata tirando calci a un pallone sui campi della piccola Tarmassia, proseguita con anni di gavetta nelle serie inferiori, e culminata con oltre 250 presenze in Serie A, ben si è prestata ai fini del confronto per far capire ai ragazzi quanti ostacoli possano presentarsi durante l’inseguimento di un obiettivo, magari nato inizialmente solo come sogno.

La seconda parte dell’incontro è stata dedicata alle domande degli studenti, abili come sempre a spaziare fra tematiche calcistiche, sportive e personali. Dai confronti con gli altri calciatori, al rapporto con gli arbitri («Spesso noi calciatori ci portiamo in campo ansie e tensioni che rischiano di rendere più difficile il rapporto con gli arbitri e questo non deve succedere. Io con gli anni sono migliorato molto, addirittura con un ex arbitro di Verona in campo ci parlavamo in dialetto», ha rivelato il Meggio), dalla passione per la bicicletta, all’importanza di seguire una sana alimentazione, fino all’invadenza spesso pericolosa dei social media (tema caro alle generazioni più giovani) e alla pericolosità del mondo che gira attorno al calcioscommesse.

Tanti temi sviscerati in sessanta minuti di botta e risposta, prima delle foto finali con dediche e autografi personali, i saluti e l’in bocca al lupo a tutti gli studenti per l’anno scolastico iniziato poco più di un mese fa.