Pasotto: "Si può lavorare bene e raggiungere obiettivi importanti"

Le ragazze della Prima Squadra, partita dopo partita, stanno assimilando sempre di più le direttive di mister Zuccher. A fianco del direttore d'orchestra, c'è una figura di altrettanta importanza, il secondo allenatore Mattia Pasotto. Dopo aver condiviso l'esperienza al ChievoValpo, ha deciso di accettare anche questa nuova esperienza al Chievo Fortitudo Women. Con gli occhi di un vero coach, racconta com'è partita questa nuova stagione.

 

Mattia, il campionato è iniziato. Come hai visto la squadra nelle prime due uscite stagionali?

 

Le due partite erano molto diverse. Nella prima abbiamo trovato una neo promossa mentre nella seconda una squadra ben più attrezzata come la Lazio. Con il Perugia l'inizio è stato lento e i ritmi bassi. Abbiamo portato a casa un bel risultato ma la prestazione non è stata eccellente. Con la Lazio invece abbiamo fatto una buonissima prestazione ma non è arrivato il risultato. In sintesi direi che l'inizio è stato positivo. La prestazione di Roma è un punto importante da cui partire.

 

Il campionato riprenderà il 27 ottobre. Su cosa puntate l'attenzione in questa lunga sosta?

 

In questo mese faremo un richiamo di preparazione fisica e quindi punteremo sull'aspetto atletico e poi cercheremo di lavorare per reparti, puntando l'attenzione sulla fase difensiva, su quella offensiva oltre a correggere quello che non è andato bene.

 

Sabato pomeriggio avete disputato un allenamento congiunto con l'Hellas Verona Women. Cosa avete raccolto da questo test?

 

E' stato un buon test. Ce la siamo giocata a viso aperto e le ragazze sono state bravissime perchè non hanno avuto paura di imporre il loro gioco. Al di là del risultato siamo usciti a testa alta. Questo gruppo è voglioso di imparare e apprende molto bene.

 

Durate l'estate avete lavorato molto. Secondo te si vede già la mano del mister o ci vorrà ancora del tempo?

 

Per il lavoro fatto sino a qui direi che siamo a buon punto. Viste le prime due partite, le ragazze sono riuscire a giocare secondo i principi dettati da mister e questo ci fa ben sperare per il futuro. Questo mese ci servirà per andare a limare i dettagli.

 

Sei a fianco di mister Zuccher da anni. Che rapporto ti lega a lui?

 

Il nostro rapporto è buonissimo. Stimo molto Zuccher come allenatore perchè è molto preparato e competente. La sua chiamata di tre anni fa mi ha fatto molto piacere. Quando ho iniziato a lavorare con lui tutto quello che di positivo pensavo il campo me l'ha confermato. Abbiamo un bel dialogo e ci confrontiamo spesso.

 

Domenica giocherete un'altra amichevole contro l'Orobica. Come affronterete questo match?

 

Noi stiamo continuando con il nostro lavoro e in settimana vedremo come affrontarle. Ci aspettiamo un livello leggermente inferiore rispetto al Verona ma comunque andremo in campo per fare bene e provare a portare a casa il risultato.

 

La stagione è ancora lunga ma secondo te la squadra dove può arrivare?

 

L'obiettivo della società è migliorare il quarto posto dello scorso anno. Vedendo il livello di una delle formazioni più attrezzate come la Lazio, ci siamo dentro benissimo. Vedo un gruppo di qualità e che non gioca per il singolo ma per la squadra. Si può lavorare bene e raggiungere obiettivi importanti.