Rachele Peretti: «È un nostro diritto puntare in alto»

Domenica scorsa è iniziato il campionato di serie B e il Chievo Fortitudo Women ha portato a casa la prima vittoria, dimostrando di essere una squadra già coesa e vogliosa di fare bene (Foto Pierangelo Gatto).

Tra le ragazze che hanno trascinato la formazione gialloblù al successo, c'è sicuramente Rachele Peretti, "veterana" del gruppo che con le sue accelerazioni e la sua astuzia ha contribuiti a tutte e tre le reti realizzate. Peretti, riavvolge il nastro e ripercorre questa domenica speciale oltre a tracciare gli obiettivi di questa stagione.

Domenica avete giocato la prima partita di campionato. Al di là del risultato quali sono state le sensazioni?
Si sapeva che la prima partita sarebbe stata difficile, non tanto per l'avversario che ci saremo trovate di fronte, ma per il nostro stato di forma. La prima mezzora abbiamo fatto un po' fatica, partendo in salita ma dopo il primo gol ci siamo sbloccate e tutto è diventato più semplice. Iniziare con un 3-0 è un buon punto di partenza ma siamo ancora all'inizio e dobbiamo ancora automatizzare molte direttive del mister.

Tra tre giorni sarete a Roma a sfidare la Lazio. Si tratta della prima trasferta stagionale con una squadra tra le più attrezzate. Che partita ti aspetti?
Già dallo scorso anno abbiamo potuto vedere che le squadre del sud sono molto competitive ed è sempre difficile strappare punti in casa loro. Si tratta della prima trasferta di due giorni che affrontiamo e sappiamo che porta con sé stress a livello fisico e psicologico ma cercheremo di farci trovare pronte.

La rosa rispetto allo scorso anno è cambiata. Come hai visto le nuove compagne di squadra in questo primo periodo di stagione?Le ragazze nuove che sono arrivate le conoscevo tutte per la mia esperienza passata nel Chievo Valpo e sia perché alcune avevano già giocato nella Fortitudo. Personalmente sapevo che sarebbero state degli innesti di spessore sia a in campo ma anche a livello umano. Non hanno fatto fatica ad ambientarsi e credo che siamo un bel gruppo e che potremo toglierci delle belle soddisfazioni.

La stagione è appena iniziata e forse è presto per fare bilanci ma, vista la tua esperienza, secondo te questo collettivo dove può arrivare?L'entusiasmo di partenza, anche derivante dall'affiliazione con il ChievoVerona, è stato importante ma noi siamo rimaste sempre le stesse per quanto riguarda la nostra essenza e il nostro impegno nell'arco della stagione. Questo passo professionale ci fa piacere ma i nostri obiettivi rimangono quelli degli scorsi anni, ovvero raccogliere il più possibile. Mancano ancora molte prove da superare per capire il nostro potenziale ma sappiamo di avere una rosa all'altezza delle migliori ed è un nostro diritto puntare in alto.

Domenica le tue potenzialità e la tua esperienza sono servite per permettere alla squadra di portare a casa il bottino pieno. Per questa stagione, hai qualche obiettivo in particolare che vorresti raggiungere?
In questi anni sto cercando di farmi trovare pronta e di lavorare il più possibile. Lo scorso anno sono riuscita ad allenarmi sempre senza avere infortuni e questo mi ha permesso di trovare continuità, che è sempre stata la mia lacuna. Diciamo che quello che vado cercando per la stagione è il benessere fisico che mi può consentire di esprimermi al meglio. Domenica anche se non ho segnato, è andata bene e sono riuscita ad aiutare la squadra. Se i gol arrivano tanto meglio ma l'importante è arrivare ad un obiettivo comune. Farei la firma per giocare tutte le partite così.